Mahatma


© 2005-2006 cieliparalleli.com


14 Novembre 2006, Mercoledì


Ringraziamenti al Mahatma William Cooper
di Zoe Bless

Il capitano William Cooper fu uno scrittore molto stimato da editori interessati a clamorosi contenuti del suo “Behold a Pale Horse”, 1991. La pubblicazione dell’ultimo articolo Majestytwelve realizzato nel 1997, lo rese però famoso in tutto il mondo. Tra le molte cose, in questo, furono svelati i trucchi usati in studi cinematografici per simulare gli sbarchi sulla Luna. Con lo stesso, non esitò ad evidenziare il proprio errore essenziale, compiuto prima di quella data, e a chiarirne le origini. Egli era in ogni modo ritenuto, a quei tempi, anche l'ufologo più autorevole.

(N.d.A - Se desiderate conoscere la vita di questo maestro che ha operato fra il XX e XI secolo, prendete in considerazione gli ultimi libri che sono il completamento delle sue indagini: “Behold a Pale Horse”, 1991. Milton William Cooper - Light Technology Publisching. P.O. Box 3540, Flagstaff, AZ 86003 - (800) 450-0985.
Un libro che esiste solo in lingua originale, mentre l'ultimo è stato tradotto da me con lo pseudonimo "Zoe Bless": “Majestytwelve by William Cooper”, Copyright © 1997, William Cooper All Rights Reserved.
www.cieliparalleli.com/traduzionedimajestytwelve.html)


Alla fine degli anni quaranta, e nel 1988, documenti furono elaborati per fare in modo che agenti e militari, credessero a presunte avvenute interazioni fra umani e alieni esoplanetari malvolenti. Si trattava della sceneggiatura più curata e premeditata per esibizioni spettacolari d’inizio XXI° Secolo. Soltanto la sua carica fu in grado di rivelare la frode e completare le ricerche.

Tutto il resto del mondo fu depistato da fonti parallele alla sua, portate ad essere considerate Bibbia a puntate. In realtà, esordi editoriali d’ufficiali dell’Intelligence (…). I contenuti di una serie di libri prodotti dai servizi segreti su ritagli di oltre 60 anni di cronaca planetaria, fornivano però scarsi dettagli su nomi ed elementi quali “Siriani”, “Orioniti”, “Zeta” e “Grigi”, per citarne alcuni. Tratti caratteriali di presunte razze aliene erano portati in immagini a fumetto sul libro "Matrix II. Il Rapimento e la Manipolazione degli Esseri Umani Usando Tecnologia Avanzata" di Valdamar Valerian, 1990. (N.d.E: - 1). Culto letterario completamente privo di fotografie, ulteriormente mistificato fu reso cinematografico alla fine degli anni 90. (…).

matrix2.html

Libro tratto da: http://www.ndufo.hpg.ig.com.br/download/matrixII/MATRIXII.htm

Purtroppo, il sito che era molto interessante è stato chiuso.

William Cooper dovette aggiungere elementi alla precedente indagine per dimostrare l’infondatezza di dati fornita ai media, su supposti soggetti di natura extraterrestre.

(…).

Il comandante, non ebbe tempo da trattare per testi scientifici manoscritti dallo scriba inglese Alice Bailey (libri fra i più gettonati della terra), più che altro ne ignorava il significato esoterico/scientifico. (…). Quanti fra l’élite militare avrebbero saputo estrarre dati geodetici e astronomici da esotici concetti orientali alla fine degli anni 80? (…). William Cooper era in ogni modo in possesso del codice teologico (exoterico). Noto solo a religiosi eruditi.

Majestytwelve (1997) fu il testamento di un uomo che non ebbe tempo d’usare chiavi metafisiche. Nuovi scienziati praticano i trattati scientifici dell’Antica Tradizione Orientale. Quasi tutto il resto del mondo l'ignora.

Bill Cooper terminò il suo prezioso servizio nel 2002 in Arizona. (…). Dal 1999 fino a quell’istante visse solo in un ranch curando i suoi scritti. I contenuti dell’ultimo breve ed intenso Majestytwelve - 1997, sono ancora d’estrema attualità. (…).

La redazione della pagina web hourofthetime.com, fu curata da egli stesso solo fino al 2002. Links attualmente attivi sui suoi documenti, non possono essere stabiliti con certezza gli originali.

Pontefici della comunicazione, ora che il suo spirito illimitato si è reso invisibile, creano abbondanti miscele letterarie seguite a sue dichiarazioni, facendone anche il pubblicista più seguito e l'autore più plagiato del III Millennio.

(...).

Fine della prima parte.



Nota

1 - Pseudonimo del Colonnello John Grace, usato per firmare la stesura del libro "Matrix II", pubblicato nel 1990, quando egli era ancora in servizio presso gli Uffici dell'Intelligence Americana.


© 2005 - 2007 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di cieliparalleli.com